CONTATTAMI

Per appuntamento

La seduta può essere svolta presso il mio studio oppure online tramite videochiamata.

 
1 Inizio 2 Completo

* campo obbligatorio

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
CAPTCHA con immagine

CULTURA D’AZIENDA E LEADERSHIP. Quinta edizione

AVVISO

In osservanza dei decreti relativi al Covid-19 le attività 'in presenza', presso lo Studio Professionale, sono svolte in totale sicurezza, in ambiente igienizzato a norma di legge.

In alternativa è possibile optare per lo svolgimento delle suddette attività in modalità online.

Per ulteriori informazioni visitare la pagina Contatti.

Titolo: 

CULTURA D’AZIENDA E LEADERSHIP. Quinta edizione

Autori: 
Edgar H. Schein, con Peter Schein
Casa editrice: 
Raffaello Cortina, 2018, Pp. XXII+360, Euro 34,00

Ed Schein è una personalità di spicco nel mondo della consulenza organizzativa. Formatosi presso l’Università di Stanford e presso la Harvard University (conseguendo rispettivamente diplomi in psicologia e in psicologia sociale tra la fine degli anni quaranta e l’inizio del decennio successivo), creò le basi della sua carriera presso il MIT Sloan School of Management fino a ricevere la qualifica di Sloan Fellows Professor of Management nel 1978. In questa stessa struttura accademica Schein è, oggi, professore emerito.

Consulente di stampo internazionale, ha lavorato soprattutto sui concetti di cultura organizzativa e di Organizational Development, con importanti contributi sul processo di consulenza e sulla dinamica delle carriere. In italiano sono stati tradotti numerosi suoi libri: Le forme dell’aiuto, Lezioni di consulenza, La consulenza di processo, e Culture d’impresa, tutti pubblicati da Raffaello Cortina. Dal mio punto di vista questo ultimo volume si pone (anche) come un complemento al testo Le forme dell’aiuto, un agile scritto nel quale l’autore ripercorre il concetto di aiuto, sostegno e consiglio, applicandolo ai diversi campi dell’esperienza umana e, segnatamente, al mondo del lavoro. In un certo senso, per aiutare le persone a comprendere in quale cultura aziendale sono immerse, e che genere di leadership pongono in essere, diviene necessarie “aiutarle” almeno a riflettere sulle proprie modalità di vivere la vita di lavoro ad un livello meno superficiale di quello che, in genere, è diffuso nel caotico mondo delle organizzazioni.

L’aver posto mano alla quinta edizione di un manuale che ha segnato profondamente la consulenza organizzativa e lo studio del mondo delle organizzazioni – e l’averlo fatto con la collaborazione di suo figlio Peter – segna un passaggio di notevole rilevanza nello sviluppo del pensiero dell’autore giunto ormai all’età di novanta anni. La posizione elaborata da Schein nel corso della sua vita vede la cultura come la chiave di accesso ad una serie di elementi e parti componenti della struttura e delle funzioni delle organizzazioni: direi che attraverso questa porta di accesso diviene possibile “leggere” l’organizzazione e, nel contempo, proporre una definizione operativa del concetto di cultura organizzativa, pur partendo da constatazioni concrete e semplici come la seguente: “le organizzazioni sono, in sostanza, il risultato di persone che fanno cose insieme con uno scopo in comune” (p. 265).

Il libro (scritto a Palo Alto, nel mitico scenario della Silicon Valley californiana) è suddiviso in quattro parti e diciassette capitoli, chiusi dalla Bibliografia e dall’Indice Analitico. La definizione concettuale occupa le prime pagine del testo, accompagnata immediatamente da alcuni esempi di aziende di diversi settori produttivi. Il leader dovrebbe divenire un esperto delle culture e delle macro-culture organizzative (ma lo dovrebbero diventare anche i formatori, i valutatori e i gestori di risorse umane!) e la parte più affascinante del libro si schiude proprio nel momento in cui si risponde a domande sulla nascita della cultura organizzativa e sul ruolo del leader nel contribuire a formulare la stessa, nel trasmetterla e nel consolidarla. In tale direzione, la terza e la quarta parte del volume raccolgono le indicazioni più preziose sia dal punto di vista teorico sia da quello applicativo: ad esempio, un certo spazio è dedicato alle modalità di valutazione delle culture organizzative e alla loro decodificazione, premessa necessaria ed indispensabile all’intervento volto al cambiamento.

Da segnalare, infine, un articolo poco noto in cui Schein ripercorre il suo impegno nel cambiamento organizzativo e nello studio delle culture d’azienda: “From Brainwashing to Organizational Therapy: A Conceptual and Empirical Journey in Search of ‘Systemic’ Health and a General Model of Change Dynamics. A Drama in Five Acts”. Organizations Studies, 27, 2, 287-301, 2005.

 

Andrea Castiello d’Antonio